Cortina Trail

Nella Cortina Trail sventolano le bandiere di Spagna e Stati Uniti. Italia sul podio con Enzo Romeri | FOTO

Sventolano le bandiere di Spagna e Stati Uniti nella seconda giornata de  La Sportiva Lavaredo Ultra Trail, l'evento che, con i suoi 5 mila partecipanti complessivi, nel fine settimana ha reso Cortina d'Ampezzo la capitale mondiale del trail. Venerdì 28 giugno, alle 9 del mattino, dal centralissimo Corso Italia sono partiti in 1800. Destinazione la Cortina trail e i suoi 48 chilometri di sviluppo e 2600 metri di dislivello positivo, con passaggi spettacolare ai Laghi Ghedina, in Val Travenanzes, al rifugio Averau e al passo Giau, e poi ancora a Croda da Lago prima dell'approdo finale in centro a Cortina. Come già per la prima giornata, anche la seconda è stata caratterizzata da un grande caldo, con temperature superiori ai 30 gradi. 

CLICCA QUI PER LA FOTOGALLERY


Pronti via e un uomo si pone al comando: è  il trentino di Fai della Paganella Enzo Romeri che mette tra sé e gli inseguitori un bel po' di margine. Alla fine della val Travenanzes, al passaggio di Col dei Bos, il trentino ha 4' di vantaggio. Nel tratto che porta verso Averau e Giau, però, perde terreno e viene raggiunto e superato dai due spagnoli Miguel Caballero Ortega e Pere Rullan Estarelles  mentre dietro si avvicina un altro italiano, Christian Modena. Nell'ultima parte di gara, la discesa che da Croda da Lago conduce a Cortina Caballero Ortega, portacolori del Team LaSpo, rafforza la propria leadership. Sul traguardo, tagliato in 4h30'40", sarà primo con quasi 5' di vantaggio su Rullan Estarelles. Romeri difende il podio: terzo con poco meno di 7' di ritardo. A completare la top five Christian Modena e Matteo Pigoni. «Con il gran caldo, è stata una gara ad eliminazione» spiega Miguel Caballero Ortega. «Sono partito cauto e poi ho aumentato nella seconda parte.  È la prima volta che gareggio qui ed è davvero fantastico». 


«Un podio a Cortina vale l'intera stagione» così Enzo Romeri che ha corso sugli stessi tempi del 2017 quando arrivò secondo: 4h37'26" due anni fa, 4h37'11" quest'anno. 
Al femminile, partiva con i favori del pronostico e ha mantenuto fede alle attese Hillary Allen: la statunitense difendeva il titolo 2018 e si è confermata vincendo in 5h30'50". Seconda e terza posizione rispettivamente per la spagnola Monica Comas Molist (5h36'56") e la tedesca Sabine Wursmam (5h57'16"). Prima delle italiane la trevigiana Silvia Serafini, sesta in 6h16'33". «È la mia prima gara del 2019» commenta la vincitrice. «Una vittoria bellissima, in una gara durissima».
In serata, alle 23, la partenza della gara regina, la La Sportiva Lavaredo Ultra Trail, 120 chilometri di sviluppo e 5800 metri di dislivello positivo. 1800 al via. Alle 6 del mattino di sabato 29 giugno, il via alla novità 2019, la UltraDolomites, con partenza da Auronzo e arrivo a Cortina: 87 chilometri e 4600metri di dislivello positivo. 

Classifiche Cortina Trail 2019


28/06/2019
Calendario Maratone
Il Calendario di MarathonWorld.it
I test di MarathonWorld.it
SportDaily.it