Half Marathon Cremona

Tutte le ultime news in vista della Mezza Maratona di Cremona in programma per domenica 15 ottobre 2023

Foto di Organizzatori


E' tempo di pianificazione gare autunnali; e la HMC – Mezza Maratona Città di Cremona non può assolutamente mancare nel portfolio competizioni di ogni runner che si rispetti.


Giunta alla sua ventiduesima edizione, quest’anno la prova nella città di Stradivari prenderà il via alle 9:30 in punto di domenica 15 ottobre dalle imponenti colonne del Teatro Ponchielli per concludersi con l’abbraccio di Torrazzo, Duomo e Palazzo del Comune nella centralissima piazza cittadina.

“Pur mantenendo invariati alcuni aspetti fondamentali legati alla tradizione della prova, abbiamo impreziosito la nostra maratonina con chicche che verranno sicuramente apprezzate dai partecipanti”, rivela Michel Solzi, ormai da mesi al lavoro con il gruppo del Cremona Runners asd di cui è presidente.

Invariato il percorso: omologato FIDAL, è un viaggio tra arte, storia, cultura e natura cremonese. Da sempre noto per la sua linearità e fluidità, è il tracciato ideale per cercare il personale sulla distanza e allenarsi per le maratone autunnali e invernali.


Invariato l’elevato livello di duplice sicurezza garantito a tutti i partecipanti: assistenza medica durante la gara, da un lato; percorso interamente chiuso al traffico, dall’altro.

Invariato il servizio ristoro animato dai preziosi volontari sia lungo i 21km, come previsto da disposizioni federali, sia al termine della prova.


Le novità rivelate ad oggi dal comitato organizzatore sono due.


“Non è un segreto la nostra candidatura ad ospitare il Campionato Italiano di specialità 2024”, continua Solzi. La richiesta, già protocollata da FIDAL, implica un impegno ancora maggiore per il comitato organizzatore, deciso a dare il massimo per centrare questo obiettivo. “Un appuntamento così prestigioso sarebbe per noi un piacere e un onore, il coronamento del lavoro di ogni singola persona coinvolta nella maratonina”, chiosa il vicepresidente Mario Pedroni, anima dell’evento. “Inoltre, quale migliore occasione per far conoscere ancor meglio Cremona e il suo territorio?”.

Il legame dell’evento sportivo con la città è forte fin dalla prima edizione; e quest’anno è consolidato dalla speciale maglia tecnica con la quale verranno omaggiati tutti i runner.


Disegnata dallo stesso Pedroni, il grigio è il colore predominante; quel grigio che è uno dei due colori della città la cui vista dall’alto è disegnata come mappa sull’intera maglia.


Spicca poi il rosso della fiamma che taglia trasversalmente la maglia e che rifinisce sia le maniche, sia il girocollo; quel rosso che si collega al colore dei tetti e dei mattoni di case e palazzi cremonesi.


E da ultimo il braccio di Giovanni Baldesio, gonfaloniere maggiore di Cremona nel 1801, la cui mano stringe una palla d’oro di cinque chili. Narra la storia che la città, annessa al Sacro Romano Impero, dovesse pagare una tassa annuale all’imperatore consistente proprio in una palla d’oro di cinque chili. Zanén de la Bala, questo il nomignolo dato a Baldesio dai concittadini, venne scelto dai cremonesi per sfidare in combattimento il figlio di Enrico IV che, qualora sconfitto, avrebbe sollevato Cremona dal tributo. Trionfante, Giovanni Baldesio libero’ Cremona rendendola un comune libero; e, la sua impresa eroica, immortalata nello stemma cittadino, è da allora associata alla scritta fortitudo mea in brachiola mia forza sta nel braccio.


Braccia (e gambe) che permetteranno agli iscritti alla HMC di praticare sport respirando cultura. Ma serve affrettarsi perché le iscrizioni alla 21km chiudono a quota 2000 partecipanti!