Trofeo Marmitte dei Giganti

Ecco come è andata la 41ma edizione del Trofeo Marmitte dei Giganti disputato domenica 29 ottobre a Chiavenna

Foto di Organizzatori


Domenica 29 ottobre 2023, a Chiavenna (So), si è disputata la 41.a edizione del “Trofeo Marmitte dei Giganti”, gara di corsa in montagna dedicata alle categorie Junior, Promesse, Senior e Master, con formula “staffetta a due elementi” per gli uomini e con gara individuale per le donne.

In cabina di regia, come da tradizione, il Gruppo Podistico Valchiavenna che, ancora una volta, ha saputo dare dimostrazioni delle buone capacità organizzative, nonostante la giornata inclemente, dal punto di vista meteorologico.

Buona presenza di atleti, rispetto alle recenti edizioni precedenti, con grande prevalenza di atleti provenienti dalle società della provincia di Sondrio e, invece, con qualche defeziona da parte delle società di fuori provincia.

Pubblico, purtroppo, non molto numeroso con molti, probabilmente, fermati dalla pioggia, caduta già nella notte e poi durante tutta la mattina di gare.

Una pioggia leggera ma continua, che ha reso ancora più insidiosi i percorsi di gara, già normalmente impegnativi, caratterizzati dal continuo alternarsi di salite e discese, cambi di direzione, gradini e radici sporgenti che richiedono sempre massima attenzione e prontezza di riflessi, questa volta più che mai.

Dopo il ritrovo, la conferma delle iscrizioni e il ritiro dei pettorali, via alle competizioni con, alle ore 9.30, la partenza della gara femminile, con 45 atlete ai nastri di partenza, a confrontarsi su un percorso di circa 4,5 chilometri, per un dislivello complessivo pari a 222 metri.


Subito dopo lo sparo di partenza, a condurre, la favorita di giornata, Elisa Sortini, dall’Atletica Alta Valtellina, atleta di livello nazionale che, nella corsa in montagna, in più occasioni, ha rappresentato l’Italia in varie manifestazioni di livello europeo e mondiale.

Per Elisa subito gara di testa, con un vantaggio andato a crescere nel tratto in salita e, poi, gestito per tutta la gara, cercando di porre massima attenzione, ad evitare rischi, soprattutto nei tratti di discesa più impegnativi e scivolosi.


Alle spalle della chiara favorita, a giocarsi i rimanenti gradini del podio, le più giovani Alessandra Succetti, del “GP Valchiavenna”, e Irene Girola, della “Osa Valmadrera”.

Duello risolto a favore di Alessandra che nel tratto finale, più scorrevole, metteva in luce le sue capacità di atleta “da pista”, andando a conquistare un bellissimo 2° posto (e dimostrando, così, di gradire ancora anche la corsa in montagna), con un vantaggio, di soli 6”, sull’atleta della società “lecchese”.


Per la vincitrice, assoluta e anche della categoria Master A, tempo finale di 26’40”, ben lontano dai migliori tempi personali, giustificato però dalle condizioni del percorso e, visto il chiaro vantaggio (che alla fine, sulla seconda, sarà di 1’25”), dalla volontà di contenere, il più possibile, i rischi.


Altre vincitrici di categoria, nella gara femminile, Elisa Peverelli, della AG MEDIA SPORT, prima nelle JUNIOR (5.a nella classifica generale), Sonia De Agostini, del GP Valchiavenna, 1.a della MASTER B (23.a nella “generale” ) e Anna Maria Taeggi (GS Valgerola), 1.a nelle MASTER C.


Alle ore 10.30 via alla gara maschile, con i primi componenti delle 71 staffette (oltre a 2 individuali), a sfidarsi su un percorso “allungato”, rispetto alle donne, a poco più di 6 chilometri, con un dislivello di 327 metri


Subito i migliori a condurre, anche se con gruppo compatto per un buon tratto della salita che, con i suoi numerosi gradini, porta fino al Belvedere, punto di osservazione su Chiavenna.

Qui comincia la “traversata”, con continui saliscendi, fino a raggiungere, dopo il passaggio al “roccolo”, il punto più alto del percorso, scendere poi fino al passaggio alla grotta, uno dei passaggi più caratteristici dell’intero percorso, risalire fino a “Capiola” e prendere la discesa verso la Chiesa di Prosto, con scalinata resa scivolosa dalla pioggia.

Poi il tratto finale, parte su sentieri, ancora con salite e discese, e parte sulla ciclabile che riporta al traguardo di Chiavenna con, per i primi frazionisti, il passaggio di testimone (con il “classico” tocco di mano) al compagno di staffetta.


Il migliore, tra i primi frazionisti, Marco Leoni, della staffetta “GS Csi Morbegno – A”, uno degli atleti “esperti” di Marmitte che, anche nelle edizioni precedenti, è spesso rientrato tra i migliori.

A seguire Tommaso Caneva (GP Talamona), staccato di 24” e Davide Della Mina (Team Valtellina) a 17”.


Per Leoni (frazione chiusa nel tempo di 31’19”), passaggio del testimone al giovane compagno di squadra, Francesco Bongio (categoria Junior) che partiva sapendo di dovere amministrare il vantaggio, su un percorso impegnativo e insidioso e che dimostrava di essere un “ottimo amministratore”, con un distacco che andava progressivamente crescendo sugli inseguitori, con il secondo staffettista del “Team Valtellina”, Giovanni Tacchini che, da terzo “al cambio”, sapeva superare la staffetta del GP Talamona e, poi, sapeva resistere al travolgente recupero di Diego Rossi, del “GS CSI Morbegno – B”.

Arrivo, a contendersi il secondo posto, in volata, con la staffetta del Team Valtellina capace di prevalere per un solo secondo, ma con una grandissima prova da parte di Diego Rossi che, dopo essere partito, al cambio, in 12.a posizione, a oltre 3 minuti dal 2°, sapeva superare vari avversari per andare ad aggiudicarsi il 3° posto, a un soffio dal 2°.

Grande rimonta testimoniata dal tempo realizzato, pari a 31’16”, miglior tempo individuale della giornata.


Vittoria quindi, nelle staffette, per il “GS CSI MORBEGNO, squadra A”, composto da Marco Leoni e Francesco Bongio, seguiti, a 2’45”, dal “TEAM VALTELLINA – A” (Della Mina Davide e Tacchini Giovanni) e dal “GS CSI MORBEGNO – B”, con Mauro Manenti e Diego Rossi.

Quarto posto per la staffetta del “C.A. LIZZOLI” (Giovanni Malugani e Roberto Artusi) e 5° posto per la staffetta “AMICI MADONNA NEVE LAGUNC – A”, composta da Marco Martinucci e Erik Panatti.


Nella classifica per tempi individuali, migliore prestazione per Diego Rossi, seguito da Marco Leoni (GS Csi Morbegno), Tommaso Caneva (GP Talamona), Davide Della Mina (Team Valtellina) e Francesco Bongio (GS Csi Morbegno).


Nelle classifiche individuali per categoria, infine, da segnalare la vittoria per Francesco Bongio (GS CSI Morbegno) nella categoria Junior, di Francesco Della Torre (La Recastello Radici Group) nei Master A (con il 6° tempo nella classifica generale), di Roberto Pedroncelli (GP Santi Nuova Olonio) nei Master B e, infine, di Aurelio Mazzoni (GS Csi Morbegno) nei Master C.


Dopo le gare e un momento di “ristoro”, con un ricco “aperitivo” offerto a tutti i concorrenti dalla società organizzatrice, nel primo pomeriggio, dalle ore 14.30, via alle premiazioni, per le staffette Maschili, per le migliori della classifica generale femminili, per i migliori della classifica individuale maschile e, infine, per i migliori di tutte le categorie, maschili e femminili.


Tra i tanti, da parte del GP Valchiavenna, ancora una volta, un grande e particolare ringraziamento a un atleta che è sempre stato presente, sempre in gara, in tutte le 41 edizioni delle “Marmitte”, Marco Freddi, della CA Lizzoli


Tanti applausi dai presenti, con premi consegnati dal presidente della Fidal Provinciale, dai rappresentanti delle società organizzatrici del circuito e da vari esponenti degli Enti Locali, presenti alle premiazioni.


Dal Gruppo Podistico Valchiavenna, società organizzatrice, ancora una volta, ringraziamenti a tutti i volontari, agli Enti pubblici, alle associazioni e agli sponsor che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione sportiva, nonostante il meteo (questa volta, non favorevole) e, a tutti, l’invito, per il prossimo anno, all’edizione n. 42