Maratona di Roma

Terfa Negari ed Helena Kirop sono i vincitori della Maratona di Roma 2013: risultati, cronaca e foto.

Terfa Negari (2h07'56") ed Helena Kirop (2h24'40") vincono la 19ma Maratona di Roma: nella città eterna è doppietta etiope al maschile mentre il Kenia si impone al femminile.

Partenza su ritmi record con un drappello di oltre 20 atleti che guiderà la gara fino ai 30km: il passo rimane buono per tutta la prova con molti dei favoriti, tra cui Kanda, che alzeranno bandiera bianca nel corso dei chilometri conclusivi. Sfuma l'obiettivo di correre vicini alle 2h07'00", crono che sarebbe valso il record della gara e la miglior prestazione mai corsa sul suolo italiano, ma i tempi di oggi sono comunque di livello internazionale.

Tra le donne deludono un po tutte le favorite con Kirop, Selome e Haydar che scappano dopo metà gara: la spunterà l'esperta keniana.

Primi italiani saranno Andrea Zambelli, 26mo con 2h34'34", e Federica Liberati, 13ma in 2h59'44".



I RISULTATI COMPLETI

LA CRONACA

42.195km
- E' Getachew Terefe Negari (2h07'56") il vincitore della Maratona di Roma 2013! L'etiope strappa una grande progressione al chilometro 40 riuscendo a staccare il connazionale Girmay Birhanu Gebru (2h08'11") ed il keniano Stephen Chemlany (2h08'30"), solo quinto il favorito della vigilia e vincitore nel 2012 Luka Kanda (2h08'50"). Sfuma l'obiettivo di correre la piu veloce Maratona di sempre in Italia (2h07'17").

Al femminile se ne va dopo 35km Helena Kirop che chiude in un ottimo 2h24'40". Podio completato dall'etiope Kassa Getnet Selome (2h25'15") e dall'altra etiope, ma naturalizzata turca, Sultan Haydar (2h27'10")

35km - Sembra muoversi qualcosa: se ne vanno in nove, cinque etiopi (Gemed, Gebru, Negari, Botoru) e quattro keniani (Chemlany, Kanda, Kisang, Barmao), 1h46'10" il passaggio al chilometro 35. Al femminile si profila una lotta a due con Helena Kirop e Kassa Selome che transitano nettamente prime in 1h59'06".

30km - Scenario davvero incredibile con oltre 15 atleti in testa (1h30'37"): la gara, che si chiuderà su riscontri cronometrici importantissimi, potrebbe andare ad un outsider. Tra le donne si stacca la Degefa, rimangono davanti in quattro.

25km - Il ritmo è ancora altissimo e nessuno ne vuole sapere di staccarsi! 1h15'29" il riferimento dopo metà gara. Intanto il campione olimpico Alex Zanardi domina la prova riservata alle Handbike: 1h12'15" contro l'1h18'38" di Mauro Cratassa e l'1h24'15" di Saverio Di Bari.

Mezza Maratona - Si transita in un ottimo 1h03'43" ai 21.097km: nonostante il gruppone di testa sia ancora molto numeroso, l'alto ritmo sta provocando una prima selezione con gli atleti che ora corrono in fila indiana. Al femminile guidano in cinque (1h11'58") con le etiopi Degefa, Selomie e Kasim seguite dalla keniana Kirop e dalla turca Haydar, a pochi metri controllano altre 4 atlete.

15km - Si avvicendano in testa i 24 atleti che animano il gruppo di testa: sul Lungotevere Marzio sono Kimutai, Kibor e Benson a passare per primi al rilevamento cronometrico (45'19").

10km - Cambia poco in testa con l'Africa che domina la gara, Luka Rotich transita per primo in 30'01".

5km - E' foltissimo il gruppo di testa: guidano oltre 25 atleti, naturalmente tutti keniani ed etiopi. Matthew Kimutai transita per primo in 15'01". Tra le donne (16'51") se ne vanno in sei.

0km - Partiti in perfetto orario i 14mila iscritti alla Maratona ed gli 80mila della Stracittadina!

I RISULTATI COMPLETI



-------------------------------------------------------------------------------

15 MARZO - I Top Runners

15 MARZO - Niente direttta Tv per la Maratona

14 MARZO - Ufficializzato l'orario di partenza ed il nuovo percorso

13 MARZO - Il Marathon Village

13 MARZO -Percorso ed orario di partenza, ecco le alternative

11 MARZO - Statistiche e curiosità sulla Maratona di Roma 2013

6 MARZO - Percorso, iscritti e favoriti

5 MARZO - La fondazione Panetti a Roma

1 MARZO - La Maratona ed il Conclave

12 FEBBRAIO - La partnership con la granfondo

7 FEBBRAIO - Il film sulla Maratona, guarda il trailer

3 GENNAIO - La medaglia