KM Verticale Chiavenna-Lagùnc

Henri Aymonod oro per la quarta volta a Chiavenna, al femminile vince la keniana Philaries Kisang davanti a Vivien Bonzi

Foto di Marco Gulberti


In una giornata limpida e calda di un autunno che sembra ancora lontano, si è conclusa la XXIV edizione di una delle più rinomate gare di corsa in montagna di sola salita, la grande classica KM Verticale Chiavenna-Lagùnc, che ha visto nella mattinata confermarsi le previsioni sulle prestazioni degli atleti in gara. Il borgo incantato di Lagùnc, animato per l’occasione da un folto pubblico, ha accolto entusiasta uno spettacolare Henri Aymonod.


L’atleta valdostano dell’US Malonno in una ritrovata forma fisica sigla oggi il suo miglior tempo su questo percorso, abbassando il cronometro personale di 7 secondi, e ritorna per la quarta volta sul primo posto del podio maschile con 31’34”. Dietro a lui per la terza volta qui sulle scale dell’arrivo di Lagùnc, un grande Tiziano Moia (Gemonatletica), che ha dato il massimo fino alla prima metà della gara, calando leggermente la prestazione nella seconda parte e chiudendo con 32’18”, ad una distanza di 45 secondi da Aymonod. Nel 2020 scorso anno solo il soffio di due secondi aveva separato le prime due posizioni di questi due incredibili atleti del vertical. Bronzo in 32’39” Andrea Elia della Org. Sportiva Alpinisti alla sua prima volta a Chiavenna.

 

Leggermente inferiore alle aspettative il risultato di altri due fuoriclasse, il triatleta Marcello Ugazio (Sport Project Vco) porta a casa un quarto posto in 33’18” mentre Joe Steward è subito dietro con un 33’24”. Dopo il britannico, gli altri big della top ten chiudono tutti sotto i 36 minuti, nell’ordine: Daniele Fontana (Switzerland) 33’28”, Alberto Vender (S.A. Valchiese) 33’28”, Damiano Pedretti (U.S. Malonno) 34’57”, Timothy Kirui (Run2gether) 35’44”, Luca Del Pero (Sky Lario Runners) 35’55”.

 


Foto di Marco Gulberti

La gara al femminile, quest’anno priva della sua storica regina Andrea Mayr a causa di intervento alla spalla, ha visto dominare al femminile la keniana Philaries Kisang di Run2gether che, dopo aver dimostrato la sua forma atletica in questa specialità conquistando l’argento alla tappa della World Cup al Vertical Nasego un mese fa, arriva in vetta in 38’42”. Sul secondo gradino del podio dopo di lei con 41’38” una Vivien Bonzi (La Recastello Radici Group) in buona condizione ed a chiusura di una stagione che l’ha vista conclamarsi tra le giovani protagoniste in crescita nel mondo della corsa in montagna. Elisa Sortini (Atletica Alta Valtellina) porta a casa il bronzo con 42’41” e conferma il terzo posto dell’anno scorso qui al KV Chiavenna-Lagùnc, consapevole di una forma fisica che negli ultimi mesi l’aveva vista in difficoltà e quindi con un cronometro molto lontano dalle sue prestazioni ottimali su questo tracciato, che altre volte l’ha decisamente esaltata e che rimane tra i suoi preferiti.

 

Primo posto Juniores al femminile per Elisa Peverelli della AG Media Sport e al maschile per Andrea Zenoni della U.S. Malonno.

 

Domani sarà il momento dell’atteso Val Bregaglia Half Trail che torna sul percorso originario finalmente ripristinato dopo l’incendio della primavera 2017. Partenza alle ore 9.30 da Promontogno in terra elvetica e arrivo in Piazza Bertacchi a Chiavenna.