Olimpiadi Rio 2016

Tutto sulla Cerimonia di Apertura di Rio 2016 in programma venerdì notte | ECCO COME SEGUIRLA

La Cerimonia di Apertura dei Giochi Olimpici di Rio 2016, la 31ma edizione estiva, è in programma per venerdì 5 agosto quando nel celebre Stadio Maracanà si apriranno le danze alle ore 19.15, quando in Italia sarà passata da poco la mezzanotte.

Tutte la Cerimonia sarà visibile interamente in diretta ed in chiaro su Rai2 ed in diretta streaming sull'apposito sito, con il canale nazionale che sarà poi protagnosta insieme a Raisport1 e Raisport2 fino al 21 agosto con le dirette di tutte le gare. LE OLIMPIADI IN TV QUI

Oltre allo spettacolo previsti gli immancabili discorsi delle autorità e l'insediamento della Bandiera Olimpica; poi l'attesa sfilata delle 207 nazioni partecipanti che porteranno le bandiere nazionali all'interno dello stadio, l'Italia sarà capeggiata da Federica Pellegrini.

IL CALENDARIO COMPLETO DI RIO 2016

ISCRIVITI AI NOSTRI SERVIZI GRATUITI: WHATSAPP - NEWSLETTER




Tutta l'architettura dello spettacolo è stata ideata dall'italiano Marco Balich che già nel 2006 si occupò delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006 per poi far nascere l'Albero dela Vita dell'Expo di Milano 2015. Nonostante i prezzi altissimi dei biglietti lo Stadio sarà esaurito in ogni ordine di posto, quanto si è disposti a pagare per assistere dal vivo? dai 477€ per la "Categoria D" ai 5.700€ per la "Categoria A e B".

Oltre la sfilata il momento dove tutto il mondo si fermerà a guardare sarà l'accenzione del braciere olimpico con la torcia che giungerà all'interno dello Stadio dopo un lunghissimo viaggio partito dal tempio greco di Olimpia lo scorso 21 aprile. Chi sarà l'ultimo tedoforo? naturalmente resterà segreto fino all'ultimo ma nelle ultime ore il cerchio sembra essersi ristretto a questi nomi: Pelè, la scelta forse più scontata ma giusta, l'ex tennista Gustavo Kuerten ed il velista Torben Grael. Tuttavia spesso l'ultimo tedoforo è stato uno sportivo impronosticato alla vigilia e così ecco che alcune fonti indicano Aida dos Santos, saltatrice in alto a Tokyo 1964.