UTMB

Courtney Dauwalter ha realizzato l'impensabile vincendo la sua terza 100 miglia ultra-trail della stagione all'UTMB di Chamonix

Foto di Salomon - Alexis Berg


L'atleta Salomon di ultra-running Courtney Dauwalter ha realizzato l'impensabile vincendo la sua terza 100 miglia ultra-trail della stagione all'UTMB® di Chamonix sabato pomeriggio. Con questo successo è diventata la prima atleta a vincere la Western States 100, la Hardrock 100 e l'UTMB® di Chamonix nello stesso anno solare.


Con i suoi pantaloncini colorati Shortney Salomon e una maglia gialla "Shortney" che sembrava ideale per un leader del tour de France, l'americana ha completato l’iconico percorso intorno al massiccio del Monte Bianco in 23 ore, 29 minuti e 14 secondi, vincendo la gara per la terza volta nella sua carriera.


 "Penso che ogni volta che ti viene data l'opportunità di fare qualcosa di impegnativo e difficile, dovresti farlo", ha detto Dauwalter al traguardo quando le è stato chiesto cosa l'ha spinta a mettersi sulla linea di partenza a Chamonix solo sei settimane dopo aver vinto la Hardrock 100. "Oggi è stato molto, molto difficile, ma ne è valsa la pena".


Dopo aver battuto il record del percorso alla Western States 100 a fine giugno e aver ottenuto lo stesso risultato tre settimane dopo alla Hardrock 100 in Colorado a luglio, Dauwalter ha deciso di partecipare alla famosa UTMB®, una gara che presenta più di 10.000 metri di dislivello e porta gli atleti dalla linea di partenza a Chamonix, in Francia, in Italia e in Svizzera prima di tornare nel conosciuto villaggio sciistico. Già correre semplicemente in queste tre gare ultra in una sola stagione è considerato un compito fisico e mentale straordinario. Vincerle tutte in 70 giorni, come ha fatto Dauwalter, è un'impresa semplicemente monumentale.


Utilizzando un set-up completo di prodotti Salomon, tra cui una futura versione della scarpa S/LAB Genesis, la 38enne Dauwalter è rimasta in testa fin dalle prime fasi di venerdì sera e ha corso da sola per gran parte della gara. Ha persino mantenuto il suo record di percorso del 2021 attraverso i punti di controllo nella prima metà del circuito di 172 km in Italia. L'ultima metà della gara, dalla Svizzera alla Francia, è stata un viaggio attraverso quella che lei chiama la "grotta del dolore".


"Per tutta la seconda metà della gara, il mio corpo non voleva più correre e il mio stomaco era molto irritabile. Ho rigettato il pranzo per le strade di Champex-Lac (Svizzera, ndr)", ha detto Dauwalter. "Devo ringraziare mio marito, Kevin, tutta la mia famiglia, i volontari e i tifosi. È stata una delle atmosfere più incredibili che abbia mai vissuto. Senza tutti loro non sarei riuscita a tornare qui a Chamonix per festeggiare con tutti voi".


Oltre alle scarpe Genesis, il resto del kit da corsa di Dauwalter comprendeva un gilet da corsa ULTRA 10 della nuova gamma ULTRA di Salomon, ancora da lanciare, e una giacca Bonatti. I pantaloncini e la T-shirt Shortney indossati da Dauwalter faranno parte della linea Salomon primavera 2024. L'abbigliamento Shortney è attualmente disponibile in altri colori.  


Non solo. L'atleta Salomon Lucy Bartholomew si è classificata al 10° posto nella 100 miglia. L'australiana ha tagliato il traguardo sabato sera con un tempo di 27:39:23. 


Nella classifica maschile dell'UTMB®, l'atleta Salomon Mathieu Blanchard (Francia) ha dato seguito al suo secondo posto sotto le 20 ore di un anno fa con un quarto posto sabato. Ora è arrivato 3°, 2° e 4° per tre anni consecutivi all'UTMB®.