Maratona di Roma

Domenica 22 marzo, il celebre sport drink sarà fornitore ufficiale della manifestazione, oltre 40mila litri

È Gatorade, lo sport drink più conosciuto d’Italia, il fornitore ufficiale della ventunesima edizione della Maratona di Roma, in programma nella capitale domenica 22 marzo 2015.

Nell’arco della giornata, tutti gli iscritti alla competizione agonistica potranno dissetarsi grazie ai 40.000 litri di Gatorade che verranno distribuiti nei molti punti ristoro dislocati lungo il percorso. Gli atleti potranno così avere a disposizione una fonte preziosa di liquidi e sali minerali per affrontare al meglio la più importante, suggestiva e veloce gara podistica italiana.

Gatorade supporterà i numerosissimi atleti che prenderanno parte alla competizione agonistica con l’obbiettivo di diffondere e sostenere la cultura di uno stile di vita sano, fondato su quei valori che sono alla base di ogni disciplina sportiva.

Per uno degli eventi sportivi tra i più partecipati al mondo, tornano anche i consigli di Gatorade per affrontare al meglio e in sicurezza i 42,195 chilometri tra gli affascinanti scenari della capitale.

Gatorade, prezioso alleato di tutti gli amanti del movimento, ricorda quindi l’importanza di 3 semplici regole:


1. Prepara i muscoli

È fondamentale individuare il programma di allenamento più adatto, per abituare gradualmente i muscoli allo sforzo e migliorare la propria resistenza. E se si desidera rendere il tutto ancora più efficace, occorre assicurarsi di assumere prima, dopo e durante l’allenamento la giusta quantità di sali minerali (sodio, potassio, magnesio e calcio). Queste sostanze, abitualmente presenti in frutta e verdura, aiuteranno a mantenere l’elasticità dei muscoli.

2. Assumi la giusta carica di energia

Occorre inoltre tenere presente che una maratona richiede una grande quantità di energia. Spesso quindi non basta fare scorta di carboidrati prima della competizione, ma è necessario reintegrare quanto bruciato con lo sforzo anche durante la corsa, per garantire all’organismo il carburante necessario per arrivare al traguardo.

3. Fai attenzione a non disidratarti

Infine Gatorade si raccomanda di non rischiare la disidratazione a metà del percorso. Durante una maratona è possibile arrivare a perdere fino a 3 chili. Ad abbandonarci però non sono i grassi, bensì i liquidi. Quindi, se l’organismo – attraverso lo stimolo della sete – segnala il bisogno di reidratarsi, è fondamentale ricordarsi di bere. Raggiungendo anche solo il 2% di disidratazione, si corre il rischio di incorrere in palpitazioni e crampi e di mettere in difficoltà il sistema circolatorio.