BoClassic

Ecco i primi nomi per la BoClassic del 31 dicembre 2019: al via Crippa, Chiappinelli e Rachik

Dal 1975 la giornata di San Silvestro si conclude con die fuochi d‘artificio sportivi a Bolzano. L’ultimo giorno dell’anno infatti, grazie alla BOclassic Alto Adige la città sul Talvera è l’ombelico del mondo dell’atletica leggera. La 45a edizione del rinomato evento, trasmessa dalla Rai in diretta televisiva e streaming, è stata presentata al pubblico giovedì alla presenza del sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi. Durante la presentazione sono state rese note anche le prime top star che il 31 dicembre concorreranno alla vittoria della BOclassic Alto Adige.

Campioni olimpici, recordman in carica, campioni mondiali ed europei: è molto lunga la lista degli atleti di punta che nella loro carriera hanno preso parte almeno una volta alla BOclassic Alto Adige. Spesso, addirittura, la loro stella ha iniziato a brillare intensamente proprio a Bolzano, in piazza Walther. Complessivamente i partecipanti più forti negli scorsi 44 anni hanno vinto più di 230 medaglie agli eventi internazionali più importanti. Non c’è da stupirsi che la BOclassic Alto Adige sia una delle corse di San Silvestro meglio frequentate al mondo.

“Anche quest’anno sarà così, dato che il nostro manager degli atleti Gianni Demadonna ha fatto un bel lavoro in vista del nostro popolare evento podistico. Voglio rendere pubblici i nomi di due top star che verranno a Bolzano: si tratta di Yemaneberhan Crippa e Margaret Chelimo Kibkemboi”, ha rivelato Christof Brandt, presidente dell’associazione organizzatrice Läufer Club Bozen Raiffeisen, nel corso dell’incontro con i media.

Yemaneberhan Crippa procurerà la prima vittoria azzurra dal 1988?

Yemaneberhan Crippa è senza dubbio il beniamino del pubblico della BOclassic Alto Adige. E probabilmente è il primo italiano che potrebbe vincere a 31 anni di distanza dalla vittoria bolzanina di Salvatore Antibo. Alcuni mesi fa, ai Mondiali di atletica leggera a Doha Crippa ha impressionato con la sua forza, stabilendo il nuovo record italiano sui 10.000 metri con un tempo di 27’10”76. Al contempo Yeman si è assicurato il ticket olimpico per Tokio 2020. Ogni anno, dal 2015 in poi, il vincitore del bronzo europeo nei 10.000 metri è stato ai nastri di partenza della corsa bolzanina di San Silvestro. Il miglior piazzamento registrato dal 23enne trentino nel capoluogo altoatesino è un quarto posto nel 2017, quando il grande Muktar Edris si portò a casa la vittoria.

Con Margaret Chelimo Kibkemboi, invece, torna a Bolzano l’attuale vice-campionessa mondiale nei 5000 metri. Nella competizione per il titolo a Doha la 26enne keniota si è dovuta arrendere soltanto alla connazionale Hellen Obiri. Alla BOclassic del 2017 Chelimo Kibkemboi aveva ottenuto il secondo posto alle spalle di Agnes Tirop (keniota pure lei), correndo in 15’58” e realizzando il proprio record personale. È possibile che la vincitrice dei Giochi Africani del 2015 si appresti a fare il grande salto nell’ultimo giorno dell’anno, coroni un 2019 peraltro già fantastico con una vittoria alla BOclassic e venga inclusa nell’illustre cerchia dei vincitori della corsa bolzanina di San Silvestro.

Presente all'incontro con i media, il manager degli atleti Gianni Demadonna ha fatto altri nomi di atleti che andranno a impreziosire il parterre dei partecipanti. Tra gli uomini ai nastri di partenza ci saranno anche gli italiani Yohanes Chiapinelli (bronzo sui 3000 m ostacoli agli Europei di Berlino 2018) e Yassine Rachik (bronzo europeo nella maratona a Berlino 2018), così come Telahun Haile. In giugno a Roma l'atleta etiope ha corso i 5000 metri in 12'52"98 fissando il miglior tempo dell'anno, mentre in ottobre si è affermato al Giro al Sas a Trento, dove ha lasciato a bocca asciutta il campione del mondo Muktar Edris. In campo femminile Alemitu Tariku (Etiopia), medaglia d'argento U20 ai Mondiali di cross ad Aarhus, sarà una delle avversarie più temibili di Chelimo Kibkeomboi. Inoltre, saranno della partita anche le forti atlete italiane guidate da Sara Dossena e Nadia Battocletti.

IAAF Road Race Bronze Label certifica l’alta qualità della BOclassic Alto Adige

Non soltanto perché vi prendono parte delle atlete e degli atleti di punta, la BOclassic Alto Adige eccelle. Anche nell’organizzazione la corsa bolzanina di San Silvestro fa parte degli eventi top. Di recente lo ha certificato anche la federazione internazionale di atletica leggera IAAF, che ha conferito agli organizzatori altoatesini la IAAF Road Race Bronze Label. Inoltre, la BOclassic Alto Adige è un GreenEvent: gli organizzatori si preoccupano di realizzare l’evento podistico nel modo più ecologico e sostenibile possibile. La certificazione corrispondente è stata assegnata alla manifestazione dall’Agenzia provinciale per l’ambiente.

Confermato inoltre il percorso, così come l’ormai tradizionale diretta Rai. “La BOclassic è l’unica manifestazione sportiva in Alto Adige ad essere trasmessa in diretta dalla Rai locali. Le immagini vengono inoltre mostrate dall’emittente pubblica su Rai Sport e in diretta streaming. Siamo molto fieri di questa partnership di lungo corso, perché la diretta è la miglior pubblicità per la nostra gara, ma naturalmente anche per la città di Bolzano e lo stesso Alto Adige”, ha proseguito Brandt.

Le gare amatoriali danno il via alla BOclassic Alto Adige già a mezzogiorno

Gli organizzatori del Läufer Club Bozen Raiffeisen puntano inoltre su centinaia di atlete e atleti amatoriali. Prima dell’inizio delle gare elite saranno ai nastri di partenza della gara podistica amatoriale BOclassic Ladurner, del Just for Fun Event, di una delle gare giovanili della BOclassic Raiffeisen oppure della gara riservata alle handbike. “Speriamo che alle gare amatoriali ci siano molti partecipanti. E poi vogliamo invitare tutte le bolzanine e i bolzanini, ma anche i molti appassionati di sport in Alto Adige e non solo a venire a vedere la BOclassic e creare tutti assieme, tra poco più di quattro settimane, uno scenario leggendario”, ha spiegato Brandt concludendo.


05/12/2019
Calendario Maratone 2020
Trento Half Marahon 2020
I test di MarathonWorld.it
Gli speciali di MarathonWorld.it