Padova Marathon

La dottoressa Pigazzi e i 12 ragazzi guariti dalla leucemia, Francesco Arone , Don Danilo e tutte le storie di Padova

Non ci saranno “solo” le presenze azzurre di Sara Dossena, Anna Incerti ed Eyob Faniel nella mezza maratona, o dell’etiope Zeleke, sfidato dai keniani Korir e Lomoi nella gara da 42 chilometri, con Ribeiro, Ayantu e Sustic top runners fra le donne. No, perché sono davvero tanti i podisti che domenica 28 aprile saranno alla partenza dello Stadio Euganeo (alle ore 8.30) o a quella della mezza maratona, ad Abano Terme (dalle 9.45). Ne abbiamo scelti alcuni, queste sono le loro storie.

CORRERE MANTIENE GIOVANI. Correre fa bene. E lo possono testimoniare meglio di tutti l’ottantacinquenne trevigiano Giovanni Bertoli (Mareno di Piave) nato il 7 ottobre 1933 e la cuneese Annamaria Nota (Fossano) nata il 19 giugno 1946: sono loro i più “maturi” tra gli atleti iscritti nelle prove agonistiche.

UN ALTRO OLIMPIONICO OLTRE A ROSOLINO: ECCO ROSSANO GALTAROSSA. Massimiliano Rosolino? Non sarà l’unica medaglia d’oro olimpica al via nella mezza maratona della Padova Marathon. Già, perché alla festa parteciperà anche Rossano Galtarossa, quello che possiamo definire senza troppi timori di smentite come il più grande atleta padovano di sempre, monumento del canottaggio mondiale con alle spalle cinque partecipazioni ai Giochi olimpici e 4 medaglie vinte: “Rox”, oggi consigliere di Assindustria Sport, società organizzatrice, torna a cimentarsi col podismo dopo la partecipazione del 2015, quando tagliò il traguardo della prova da 21,097 chilometri dopo un’ora 39’02”.

MARCO RUZZON E IL TRAPIANTO DI CUORE: LA CORSA COME CONQUISTA. Marco Ruzzon, trapiantato di cuore nel 2008, è nato a Padova e abita ad Albignasego. Fa parte di A.C.T.I. Italia, Associazione Cardiotrapiantati Italiani. È lui a raccontare la sua storia: «Saremo presenti per la prima volta all’evento, per noi esserci è una conquista: personalmente parteciperò alla mezza maratona di Padova assieme ad altri amici trapiantati di cuore che saranno in Prato per le Stracittadine (circa 50 associati). Non è comune, per noi trapiantati di cuore, ottenere l’abilitazione sportiva agonistica: per me questo è stato possibile solo dopo l’intervento e oggi, insieme a tanti amici nella mia situazione, tutti operati al Centro Gallucci di Padova diretto dal Prof. Gerosa, vogliamo rendere omaggio a questa stupenda città». L’anno scorso, in occasione dei giochi Europei per trapiantatati di cuore e polmone tenutosi a Lignano, il gruppo di Padova ha partecipato numeroso e vinto diverse medaglie.

SILVIA FURLANI NON SI ARRENDE ALLA SCLEROSI. 59 anni, friulana, Silvia Furlani a 30 scopre di essere affetta da sclerosi multipla. Non si lascia abbattere e decide di dichiarare guerra alla patologia, rivolgendo le sue energie proprio nella direzione contraria all’immobilità: inizia così il suo avvicinamento alla corsa. Il grido di battaglia è riappropriarsi della padronanza dei propri movimenti: correre significa sfidare e riuscire a contrastare la malattia. Più volte in gara anche a Padova, sarà alla partenza di Abano Terme per la mezza maratona.

VINCENZO E LA PICCOLA VALENTINA. Vincenzo Placida, di Vigonovo, domenica parteciperà alla maratona spingendo la carrozzina della figlia Valentina, 11 anni, affetta sin dalla nascita dalla rarissima sindrome “Cornelia de Lange”. Papà e figlia tornano dopo la partecipazione del 2018 alla mezza, raddoppiando la distanza e coinvolgendo anche altre due carrozzine e un passeggino grazie all’Associazione che porta il nome della sindrome. Vincenzo già nel 2018 aveva raccontato: «Avremo l’opportunità di dare un po’ di visibilità a questi bimbi, ma è anche un momento di inclusione stupendo per Valentina, che adora stare all’aria aperta».

LA GENETISTA MARTINA PIGAZZI CORRE CON I SUOI PAZIENTI. Martina Pigazzi, genetista, è responsabile dell’area genetica del laboratorio di Oncoematologia Pediatrica e assistant professor all’Università di Padova. Sarà al via per la Città della Speranza nella mezza maratona, con alcuni ex pazienti guariti dalla leucemia: «Il 28 aprile correrò insieme a 12 ragazzi speciali che, qualche anno fa, sono stati nel nostro reparto e hanno avuto il coraggio di partire per un’avventura forte, dolorosa e a tratti impossibile, ma hanno tagliato quel traguardo più forti di prima, e con energia ed entusiasmo di vivere. Ora vogliono dire a tutti i bambini e ai ragazzi, che oggi stanno affrontando quella stessa sfida, che presto potranno correre essi stessi la loro maratona», ha raccontato nella pagina di Rete del Dono dedicata al progetto. «È un passamano di vita: oggi noi, domani voi! Lorenzo, Federica, Andrea, Riccardo, Denise, Riccardo, Maurizio, Lisa, Federico, Sebastiano, Carlo e Francesco - questi i nomi dei fantastici 12 - saranno preparati da me, Katia e Alberto, il nostro coach, per correre 21,097 km».

ARONE CHE CORRE SCALZO COME BIKILA. Piemontese di Carignano, 43 anni, Francesco Arone diviene l’uomo più veloce al mondo sulla distanza ultra-maratona di 100 km, corsi a piedi nudi (categoria Barefoot): 11 ore 42’33” sul traguardo di Seregno. La sua strada agonistica l’ha portato a correre attualmente 51 mezze, 46 maratone e 4 ultra-maratone, senza aver conteggiato le distanze più corte e tutti gli allenamenti che lui svolge unicamente senza le calzature o simili. Non corre solo in Italia, ma s’impegna portando il tricolore e confrontandosi in maratone note come quelle di New York, Tokyo, Berlino, Barcellona, Montecarlo, Dubai, Miami…

DON DANILO, SACERDOTE E… MARATONETA. Indossa con la stessa disinvoltura la tonaca e le scarpe da corsa. Il parroco di Rubano, don Danilo Miotto, parteciperà anche quest’anno alla Padova Marathon: «Lo sport, e correre in particolare, aiuta a trovare il giusto equilibrio fisico e mentale, a conoscere sé stessi e a meditare, può rivelare a ognuno di noi i propri limiti, ma anche le sue potenzialità».

ALI’ IN GARA CON UNA SQUADRA DI 25 ATLETI. Quella per la corsa è una vera e propria passione che accomuna i dipendenti Alì e Alìper. Primo fra tutti a testimoniarlo è, ovviamente, Ruggero Pertile, che partendo dal suo impiego nei supermercati è riuscito a partecipare a tre edizioni dei Giochi Olimpici. Domenica 28 aprile anche il Gruppo Alì sarà in gara: ai nastri di partenza, tra la 42 chilometri e la mezza, ci sarà infatti una squadra di 25 podisti.

ATENEO IN FORZE. A proposito delle associazioni raccolte a vario titolo nel Charity Program: da quest’anno c’è anche l’Università degli studi di Padova, che si schiererà numerosa in tutte le prove. Porterà al via 8 tra studenti e professori nella maratona, 51 nella mezza e addirittura 400 nelle Stracittadine, fra le onlus più presenti domenica 28 aprile.


25/04/2019
French Riviera Marathon
Trento Half Marathon
I test di MarathonWorld.it
SportDaily.it