Treviso in Rosa

Tra poco più di un mese, il 5 maggio, la grande kermesse al femminile festeggerà l’edizione del decennale

Foto di Organizzatori



Secondo il calendario manca ancora più di un mese, ma l’atmosfera sembra già quella della vigilia, tanta è l’attesa per un appuntamento che, negli anni, è diventato una consuetudine per moltissime donne.

 

Domenica 5 maggio torna Treviso in Rosa, la kermesse femminile per eccellenza, che quest’anno festeggia anche l’edizione del decennale. Nelle otto precedenti edizioni in presenza, la rassegna organizzata da Trevisatletica e Corritreviso con il patrocinio della LILT, ha coinvolto oltre 71 mila partecipanti e nel 2023, libera dalle limitazioni imposte dalla pandemia, ha portato a correre e a camminare in centro storico ben 10.218 donne. Numeri di assoluto rilievo, senza eguali per una manifestazione al femminile in Italia.

 

Treviso in Rosa anche quest’anno proporrà due percorsi, di 4 e 7 km, interamente in centro storico, da affrontare a passo libero, correndo o camminando. La partenza sarà in viale Bartolomeo d’Alviano, ai piedi delle Mura. Mentre il traguardo, il village e la grande festa finale con i deejay di Radio Company si troveranno in cima alle Mura, sul Bastione San Marco. 

 

Le iscrizioni - tutte, rigorosamente, al femminile - sono ormai vicinissime a quota 5 mila. E dietro l’angolo c’è già una prima scadenza: il 15 aprile sarà l’ultimo giorno utile per le iscrizioni di gruppo e per prenotare il pettorale e il relativo kit di partecipazione con la quota d’iscrizione agevolata di 12 euro (6 per per bambine e ragazze di età inferiore ai 12 anni). Poi la quota d’iscrizione aumenterà a 14 euro.    

 

Tre le modalità per iscriversi a Treviso in Rosa: attraverso il portale Endu.net, inviando la scheda d’iscrizione alla mail iscrizioni@trevisoinrosa.it oppure recandosi in uno degli oltre 60 punti d’iscrizione fisici (bar, farmacie, supermercati e altri esercizi commerciali) attivi tra le province di Treviso, Venezia, Padova e Belluno (elenco disponibile nel sito www.trevisoinrosa.it). Tutte le partecipanti riceveranno il pettorale personalizzato con il proprio nome, la t-shirt ufficiale, uno zainetto, un paio di calzini e altri gadget offerti dalle aziende che sostengono l’evento.

 

Treviso in rosa è, come sempre, anche un’occasione di solidarietà. Al fianco del comitato organizzatore ci sarà la sezione trevigiana della LILT, la Lega italiana per la lotta contro i tumori, che dal 2015 - anno della prima edizione - patrocina ufficialmente l’evento.

 

Dieci anni sono un traguardo importante per questa manifestazione che costituisce una delle camminate in rosa più partecipate a livello nazionale – commenta Alessandro Gava, presidente della LILT di Treviso -. Treviso in rosa è una occasione di incontro per migliaia di donne che possono raccontare le proprie storie e mettere insieme le loro esperienze, passeggiando o correndo per le strade della nostra bellissima città. Con i fondi ricevuti lo scorso anno abbiamo realizzato una palestra attrezzata e avviato un’attività motoria personalizzata con la supervisione di un personal trainer. Ma Treviso in rosa, per la LILT, è anche l’occasione per promuovere messaggi sulla prevenzione, che possono concretizzarsi attraverso l’adozione di corretti stili di vita, di cui l’attività fisica rappresenta uno dei pilastri; fare una attività fisica costante permette di ridurre il rischio di sviluppare un tumore, ma anche il rischio di avere una recidiva per chi ha già affrontato un percorso oncologico”.

 

Oltre che una festa, Treviso in rosa darà così l’opportunità per riflettere su tematiche importanti che riguardano la salute e i corretti stili di vita, con l’obiettivo di promuovere, con sempre maggior forza, il concetto, tanto caro alla LILT, che prevenire è vivere. Appuntamento, di corsa o camminando, a domenica 5 maggio. Il conto alla rovescia va avanti.