Vivicittà

34 città al via simultaneamente per la corsa più grande del mondo: start alle 9.30 di domenica 2 aprile, tutto quello che c'è da sapere


Sarà un “Pronti? Via” particolare quello di Vivicittà 2023. L’appuntamento è per domenica 2 aprile, ore 9.30, con il conto alla rovescia che verrà scandito in diretta da Radio 1 Rai. “Migliaia di persone torneranno a correre contemporaneamente insieme ad intere famiglie e gruppi di amici che prenderanno parte alle camminate e alle passeggiate ludico-motorie. Un movimento globale che, ancora una volta, metterà al centro le persone e i loro diritti, l’ambiente e la pace", ha detto Tiziano Pesce, presidente nazionale Uisp, nel corso della presentazione nazionale che si è tenuta questa mattina a Roma, nel Liceo Newton.


CLICCA QUI PER I RISULTATI DA TUTTE LE SEDI


“Sono molte le motivazioni sociali che arricchiscono Vicicittà – ha detto Stefano Mei, presidente nazionale Fidal – a cominciare dalla possibilità di gareggiare simultaneamente in varie città. Vivicittà è stata antesignana della attuale passione per la corsa e del successo delle corse cittadine degli ultimi anni”.


Nel corso della presentazione si sono alternati interventi video e in presenza di Vito Cozzoli, presidente Sport e Salute spa; Giovanni Malagò, presidente Coni e di rappresentanti del mondo della scuola e delle carceri (dove tornerà a svolgersi Vivicittà), con Cristina Costarelli, preside del Liceo Newton e Francesca Paola Lucrezi, direttrice degli Istituti penitenziari di Brescia.


Sarà uno start da campioni che tornano liberi di muoversi dopo il buio della pandemia, campioni della porta accanto, persone di tutte le età, ragazzi e ragazze protagonisti della stracittadina podistica che, sin dal 1984, è stata l’antesignana delle kermesse su strada nel nostro Paese. E insieme a loro ci saranno anche alcuni talenti dell’atletica italiana, perché Vivicittà è anche questo: una classifica unica, con coefficienti di compensazione ricavati dall’altimetria dei percorsi, della lunghezza di 10 chilometri. Complessivamente saranno 34 le città italiane (delle quali 24 impegnate nella competitiva) e quattro quelle estere che parteciperanno all’edizione di quest’anno. Un serpentone colorato di gente di sport che da Torino, passando per Firenze e Roma, arriverà a Bari e Palermo.


Vivicittà è organizzata con il patrocinio del Ministro per lo Sport e i Giovani e del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica. Media partner della manifestazione podistica sono: Corriere dello Sport e Rai Radio 1. Partner istituzionale di Vivicittà è Marsh, broker assicurativo. Ricordiamo la collaborazione della Fidal-Federazione italiana atletica leggera, da sempre al fianco di Vivicittà. I partner internazionali sono Isca-International Sport and Culture Association e Fsgt-Fédération sportive et gymnique du travail, associazione di sport per tutti francese.

Anche l’Istituto di Scienza dello Sport del Coni è partner di Vivicittà, grazie al lavoro di Sandro Donati e dell’intero team di ricerca che si è occupato di realizzare i coefficienti che, grazie all'equilibrazione dei percorsi, consentono la realizzazione della classifica unica compensata. 


Domenica 2 aprile si correrà simultaneamente in 34 città italiane, tra competitive di 10 km e camminate non competitive di 3 km circa:


Aosta, Arezzo, Bari, Bolzano, Bra, Cagliari, Civitavecchia, Cossato (BI), Enna, Fermo, Ferrara, Firenze, Gorizia – Nova Gorica, La Spezia, Latina, Livorno, Matera, Mestre (VE), Palermo, Pescara, Pordenone, Ragusa, Reggio Emilia, Rimini, Roma, Sala Baganza (PR), Salice Terme (PV), San Gregorio Magno (SA), San Vito Lo Capo (TP), Sassari, Siena, Todi (PG), Torino, Trento.