Corsa dei Castelli

Domenica 16 ottobre la 6^ Corsa dei Castelli: tutto quello che c'è da sapere sulla 10km di Trieste

Foto di Diecisettanta


E’ stata presentata oggi martedì 11 ottobre presso la Sala del Trono del Castello di Miramare la 6^ Corsa dei Castelli, evento in programma domenica 16 ottobre nata da un’idea dell’Assessore allo Sport del Comune di Trieste Giorgio Rossi e organizzata da ASD Promorun, in collaborazione con il comune di Trieste e la Regione Friuli-Venezia Giulia. La bellezza del tracciato, la storia della città, l’internazionalità della manifestazione e, soprattutto, la sfida tra grandi, hanno catturato l’attenzione della RAI che trasmetterà in differita la gara sul canale RAI Sport.


Assessore allo Sport del Comune di Trieste Giorgio Rossi: “E’ stata una grande idea concepita con l’amico fraterno Michele Gamba quella di portare a correre sulle strade di Trieste grandi e velocissimi atleti, tra i più forti del mondo. I numeri ci stanno dando ragione perché stanno crescendo di anno in anno, questo evento merita un grande futuro. E’ un lustro per tutta la città partire dal Castello di Miramare, che oggi accoglie la conferenza e che rappresenta un vero e proprio gioiello. Voglio dire a tutte le associazioni di Trieste, come ASD Promorun: ‘Voi siete la città’.


Assessore Regionale alla difesa dell’ambiente, energia e sviluppo sostenibile Fabio Scoccimarro: “La manifestazione ha aderito ad Ecosport e ha messo in campo diverse iniziative per diventare più sostenibile, un esempio tra tutte sono le medaglie. Sport ma anche solidarietà e il coinvolgimento delle scuole, può sembrare banale affermare che lo sport fa bene e l’atletica è la base dello sport, ma era e rimane una grande verità. Questo evento genera turismo in questa bellissima città la cui storia viene simbolicamente raccontata dai due castelli, simbolo di Trieste.”


Marta Nardin responsabile comunicazione Museo Storico e Parco del Castello di Miramare: “Porto i saluti della direttrice Andreina Contessa. Siamo lieti di ospitare questa conferenza e sempre felici che il Castello di Miramare sia sede di partenza della Corsa dei Castelli. E’ un evento sempre più ricco di iniziative e di nuove sinergie che gli organizzatori di Promorun Asd hanno messo in campo. Quest’anno altre novità, le iniziative per coinvolgere le scuole e tanti giovani”.


Silvia Gianardi Presidente Promorun: “Emozionati ed entusiasti di questa 6^ edizione. Lunedì abbiamo chiuso come previsto le iscrizioni online, ad oggi risultano 1500 iscritti, numero destinato ad aumentare perché vi saranno ancora le iscrizioni in presenza per tutta la giornata di venerdì e sabato in Piazza Sant’Antonio e domenica dalle 7.30 alle 9.00 presso le scuderie del Castello di Miramare, ci aspettiamo grande affluenza. Un record iscrizioni che è frutto di un importante lavoro promozionale che ha portato ad avere atleti provenienti da 25 nazioni, Europa ma anche da oltreoceano, non solo triestini. La gara, certificata e omologata sulla distanza di 10 km, è una sfida sia per i grandi nomi che avremo al via che per gli amatori. Tecnicamente, la parte più difficile consiste nel Muro finale, un valore aggiunto che ci ha portato a pensare alla Corsa dei Castelli come la Parigi Roubaix delle corse su strada, dove la sfida sull’ultimo chilometro è ormai un must”.


Rita Giancristofaro vicepresidente Promorun: “La Family Run è un evento che abbraccia tutti, quest’anno più che mai abbiamo avuto un riscontro fantastico grazie all’impegno di Fondazione CRTrieste, al lavoro svolto nelle scuole, e alla promozione dell’iniziativa 3x1, ovvero l’iscrizione di un ragazzo/a al di sotto dei 16 anni e due accompagnatori al costo di una singola iscrizione. E’ stato un piacere entrare nelle scuole, conoscere e collaborare in questi mesi con i dirigenti scolastici grazie ai quali, in particolare con il Liceo Petrarca, è stato attivato anche un progetto di alternanza scuola-lavoro che si protrarrà fino alla Corri Trieste di Maggio. Gli studenti di classi proveranno con mano cosa significa organizzare un evento sportivo, un’attività importante per la loro crescita sia personale che di sportivi.

Dott. Alessandro Amaddeo S.O.C. Pediatria d'Urgenza e Pronto Soccorso, IRCCS Burlo Garofolo: “Abbiamo bisogno di tornare ad accogliere i bambini che accedono al Pronto Soccorso in condizioni più dignitose. Prima della pandemia l’area di accoglienza delle sale d’aspetto era a misura di bambino, vogliamo ripristinare queste aree e rendere il nostro pronto soccorso un ambiente più confortevole e a misura di bambino. Domenica saremo in tanti a rappresentare il Busto Garofolo correndo, questa gara è ormai anche un po’ nostra.

Giacomo Biviani Fidal Provinciale Trieste: “La Corsa dei Castelli, una gara fortemente competitiva, con tanti campioni ma anche centinaia di amatori, un evento di grande importanza per la città. Come Fidal facciamo un grande in bocca al lupo a tutti, in particolare a Promorun che sta lavorando sodo e che di recente ha fatto ingresso nelle scuole, è molto importante che l’atletica leggera sia parte della vita dei ragazzi, e questo è certamente un modo per farlo. Ad oggi i tesserati Fidal a livello giovanile sono in forte crescita, l’atletica piace.


LE GARE – La gara è inserita in calendario nazionale FIDAL e si sviluppa su un percorso omologato costituito da un giro unico da punto a punto, ovvero dal Castello di Miramare al Castello di San Giusto. Un percorso molto filante che vede solo nelle ultime centinaia di metri un’elevata pendenza che gli è valsa l’appellativo de “Il Muro”. Testa, gambe e cuore prima di tagliare il traguardo nella corte del Castello di San Giusto. Correranno sullo stesso percorso gli atleti della “Non Competitiva Ten” con la sola differenza che per la partecipazione non è richiesto tesseramento e certificato medico agonistico. 


FAMILY RUN - E’ l’anima vera della manifestazione la Family Run 8 km, quest’anno più che mai al centro dell’attenzione perché l’evento riunisca tutti i valori che vanno seminati nei ragazzi di oggi che saranno gli uomini di domani. Family Run 8 km è una domenica di festa con la famiglia, una finalità resa ancora più possibile grazie alla volontà e all’impegno degli organizzatori di promuovere l’evento nelle scuole, perché lo sport e i suoi valori entrino a far parte della cultura dei giovani, agevolando l’iscrizione con una tariffa speciale.


I NUMERI – Con le iscrizioni ancora aperte, la manifestazione si prepara a far registrare il record di presenze, un obiettivo da sempre auspicato ma che interrotto dalla pandemia che aveva frenato la crescita costante. Accanto a questo risultato, anche l’internazionalità, ben 25 le nazioni attualmente confermate al via, capolista la vicina di casa Austria ma seguita dai cugini spagnoli. Da segnalare la presenza di atleti che vengono da oltre Europa, in particolare dal Brasile e da Canada e Usa. Il trend di iscrizioni torna a rassicurare gli organizzatori che possono ritenersi soddisfatti dei risultati del proprio lavoro.


I TOP RUNNER – Il primato del percorso da battere al maschile di 29’49” è dell’etiope Hagos Gebrhiwet, uno dei tanti primati di questo grande atleta che ha scritto pagine di storia dei 5000m ai Campionati del Mondo e alle Olimpiadi di Rio 2016. A provare a batterlo un parterre di atleti che vanta un ottimo curriculum. Torna il vincitore dell’ultima edizione, il keniano Peter Mwaniki Njeru che aveva tagliato il traguardo in 29’57”. Al via domenica anche Panuel Mkungo che l’anno scorso arrivò secondo sul traguardo con un solo secondo di distacco dopo una splendida volata. Sulla carta la vittoria sembra però essere nelle mani del bahreinita Birhanu Balew che ha un personale di 28’20 sulla distanza e 12’56 sui 5000m. Nel palmarès di Balew due vittorie nei 5000m alla Diamond League, due finali olimpiche, l’ultima lo scorso anno a Tokyo 2020 dove si è classificato 6° nei 5000m. Per lui anche due finali ai Campionati del Mondo e due primati asiatici. In gara il keniano Simon Mwangi Waithira e il suo connazionale Bernard Musau Wambua, vincitore domenica della Pisa Half Marathon e 2° alla Corri Trieste lo scorso maggio.

A caccia di onori anche l’azzurro Marouan Razine, tre volte campione italiano sui 5000m nel 2015, 2018 e 2019 e due burundesi Jean Marie Bukuru e Therence Bizoza, entrambi al debutto sulla distanza.

Al femminile il primato della gara è dell’azzurra Joyce Mattagliano che nel 2019 corse in 37'36". In gara vi sarà la keniana Nancy Kerubo Kerage, autrice di un personale di 35'38", l'atleta locale Elisa Turolo (Sportiamo) che porta in dote un primato di 40'15" e Chiara Fantini (Maratonina Udinese) che ha stabilito il suo primato di 42'04".


I SENATORI – Innamorati di Trieste o ripagati in emozioni dalla fatica del “Muro”, sono sempre stati presenti alla manifestazione Giorgio Bernard (Fincantieri Wartsila), Giancarlo Gori (Atl. Monfalcone), Rossano Irmici (GS Val Rosandra Trieste), Luigi Lazzari (Running Club 2 Monfalcone), Roman Lukan (GS San Giacomo) e Moris Novello (GS Val Rosandra Trieste).


L’INGRESSO NELLE SCUOLE - Ad incentivare la partecipazione delle scuole il contributo di Fondazione CRTrieste che da diversi anni è vicina alla Family Run attraverso l’erogazione di un contributo grazie al quale è resa possibile la partecipazione di tutti i ragazzi in età scolare. Una conferma preziosa alla quale si aggiungono importanti novità. Per questa edizione, infatti, un ragazzo al di sotto dei 16 anni e due accompagnatori versano una sola quota di iscrizione che dà diritto a tre pettorali. Per accontentare chi voglia conservare un ricordo dell’evento o indossare la T-shirt tecnica commemorativa durante la manifestazione, è offerta a tutti la possibilità di aggiungere una piccola quota compensativa del costo del pacco gara che, in questo caso, può essere ritirato nella sua completezza. L’altra è una novità frizzante, per stimolare la partecipazione di massa le cinque scuole più numerose vinceranno un buono per svolgere gratuitamente un laboratorio didattico all’interno del Parco del Castello di Miramare, una testimonianza dell’importanza del binomio sport e cultura.


EPICENTRO OSPEDALE BURLO GAROFOLO – Lo scorso anno Promorun aveva intrapreso un nuovo percorso di solidarietà nei confronti dell’Ospedale Burlo Garofolo, con risultati straordinari che hanno testimoniato che il popolo dei runner è attento ai temi del sociale. Da quell’intesa è nata una struttura appositamente studiata per agevolare le operazioni di nursery dei bambini prematuri all’interno del reparto di Terapia Intensiva Neonatale.


Anche quest’anno la raccolta fondi è incentrata sui più piccoli ed il loro rapporto con il Pronto Soccorso Pediatrico. Due le finalità, la prima è rendere meno traumatico il viaggio dei piccoli pazienti sottoposti a manovre terapeutiche dolorose ripristinando le aree di accoglienza e giochi destinate ai più piccoli, rimaneggiate in era Covid, attraverso decorazione delle pareti, ed acquistando speciali tablet interattivi, da utilizzarsi per alleviare il trauma psico-fisico legato all’invasività di alcune procedure. La seconda, di cui si sente sempre più il bisogno a causa dell’elevato numero di sostanze tossiche con cui possono venire a contatto i bambini anche tra le mura domestiche, è dotare il Pronto Soccorso Pediatrico di uno speciale database necessario in caso di avvelenamenti.


Proprio attraverso le donazioni di parte del ricavato della Family Run sommate a quelle spontanee da parte degli atleti sarà possibile ottenere questo risultato, la cui utilità è per l’intera comunità locale. Gli atleti potranno donare al momento dell’iscrizione o attraverso bonifico bancario sull’Iban IT12B0306909606100000157822 intestato a Fondazione Burlo Garofolo indicando nella causale “Corsa dei Castelli per il Burlo Garofalo” oppure al ritiro del pettorale.


ANDREW HOWE TESTIMONIAL DELL’EVENTO - Di gare certamente ne ha tante da raccontare e anche di successi, l’azzurro Andrew Howe con 8,47 metri è dal 2007 il primatista italiano di salto in lungo, oro europeo sia all’aperto che indoor nel 2006 e 2007 e soprattutto argento mondiale a Osaka 2007. Un testimonial d’eccezione per la 6^ Corsa dei Castelli del prossimo 16 ottobre che ha subito amato Trieste e apprezzato il lavoro di Promorun, capace di mettere insieme grandi campioni e runner amatoriali, e far divertire tutti. Nel mezzo della festa anche tanti messaggi di valore, quello promosso da Howe è l’importanza di praticare sport, per stare all’aria aperta, divertirsi insieme, pensare al benessere e rilassarsi, per sé stessi ma anche per la propria città.


LA T-SHIRT – Tutti gli iscritti alla manifestazione riceveranno una T-shirt tecnica firmata da Luanvi, partner consolidato delle manifestazioni Promorun. Un capo di alta qualità che coniuga le caratteristiche tecniche con lo stile. Nera e rossa, in pendant con i colori di ASD Promorun, sul fronte racconta il percorso attraverso le icone stilizzate dei due Castelli e riporta il nome della gara.


LA MEDAGLIA – ASD Promorun rinnova l’attenzione per l’ambiente scegliendo una medaglia IfeelWood, ottenuta da legno riciclato, ricavato da alberi caduti o da materiale raccolto durante la pulizia dei boschi o da processi biologici e rotativi di taglio degli alberi. Ne è prova il fatto che il legno usato abbia i certificati


FSC e PEFC®, i quali garantiscono che provenga da piantagioni controllate e approvate seguendo determinate norme di taglio e ricrescita, non essendo dunque causa di disboscamento illegale che sta distruggendo il nostro pianeta. In accordo con questa filosofia, anche il colore è stampato a emissioni zero. La medaglia ecosostenibile, che sarà consegnata a tutti i finisher, è abbinata alla T-shirt che rievoca i colori di ASD Promorun. Elegantissima, nera con il cordino rosso, presenta un intaglio che racconta le icone stilizzate dei due Castelli, idealmente congiunti tra loro da una linea sottile che rievoca il percorso. Completano i decori il nome della gara e la scritta “Finisher”.


AMBIENTE – ASD Promorun lavora per ridurre l’impatto ambientale della manifestazione attraverso diverse strategie: materiale promozionale dell’evento, striscioni TNT, vele gadget quasi completamente in materiale ecosentenibile, per la mobilità si organizza il trasporto gratuito degli atleti alla partenza mediante navetta, riducendo le emissioni di un numero consistente di vetture; lo smaltimento dei rifiuti viene operato in maniera differenziata; si privilegiano fornitori di beni e servizi locali e prodotti sostenibili, realizzati con materiali riciclati o prodotti ecologici certificati così come il pacco gara è gestito con imballaggi riciclabili. I partner dell’evento sono stati selezionati tenendo conto anche del loro impegno ambientale e etico/sociale.


TURISMO – Trieste, città di confine, balcone che si affaccia sull’Adriatico blu dai promontori montuosi del Carso, unica città in pieno mediterraneo dal forte carattere mitteleuropeo che le è valso l’appellativo di “Piccola Vienna”. Teatro di battaglie sanguinose e di scambi di mercanzie, Trieste è il frutto di fusioni culturali evidenti negli edifici di interesse storico e che l’hanno trasformata in una città di confine dal forte temperamento indipendentista. Promorun ha a cuore il binomio sport e turismo, la Corsa dei Castelli è dunque uno strumento per dare lustro al capoluogo giuliano e all’intera regione ricca di bellezzestoriamonumenti e musei e prodotti della tradizione eno-gastronomica regionale.


IL PROGRAMMA – Piazza Sant’Antonio si offre nella sua bellezza da venerdì alle ore 10.00 e per tutto il fine settimana.

Dalla possibilità di iscriversi nelle giornate di venerdì 14 e sabato 15 dalle 10.00 alle 19.00, alle interviste e la presentazione degli atleti protagonisti della domenica. Non solo top runner, spazio alla gara popolare con interviste e musica e la presenza di un testimonial d’eccezione, l’azzurro primatista di salto in lungo Andrew Howe.      


Domenica l’attenzione si sposta prima sul Castello di Miramare presso le cui Scuderie sarà possibile iscriversi dalle 7.30 alle 9.00. La reggia ausburgica assisterà ad un susseguirsi di tre colpi di pistola che daranno il via alle tre manifestazioni a breve distanza. Il fiume di runner scorrerà lungo le strade di Trieste fino a raggiungere Piazza Unità da dove tutti gli atleti, ad eccezione degli iscritti alla Family Run, saliranno verso l’altro simbolo della città, il Castello di San Giusto. Al traguardo ci sarà tempo per una foto e per tirare il fiato prima di tornare in Piazza Unità a proseguire la festa, fatta di premiazioni e riconoscimenti speciali, a partire dalle 11.30, e voglia di condividere le emozioni vive della mattinata di sport.


Durante tutto il weekend di gara, tutti gli atleti sono invitati a visitare i musei civici utilizzando il voucher per l'ingresso ridotto o gratuito che troveranno all'interno del pacco gara.